+39 02 62690471

STUDIO DEL GSE:

“FONTI RINNOVABILI IN ITALIA E IN EUROPA VERSO GLI OBIETTIVI AL 2020”

Marzo 2018 – Online un nuovo studio del GSE che analizza la performance dell’Italia verso gli obiettivi al 2020 sulle fonti rinnovabili di energia (FER), con approfondimenti a livello regionale e confronti con gli altri Paesi dell’Europa a 28.

Dallo studio – Fonti rinnovabili in Italia e in Europa: verso gli obiettivi al 2020″ – l’Italia risulta terza per consumi di energia da fonti rinnovabili, con 21,1 Mtep su 195 Mtep complessivamente consumati nell’Europa a 28. In termini percentuali, l’Italia rappresenta circa l’11% dei consumi da fonti rinnovabili dell’Europa. Le diverse elaborazioni GSE, basate sulle statistiche ufficiali nazionali ed europee aggiornate al 2016, evidenziano con dati inediti il positivo percorso sinora seguito dall’Italia verso gli obiettivi al 2020, attualmente superati, nonché l’ottimo posizionamento del Paese rispetto a molti partner europei in termini di impieghi di FER sia per generazione elettrica, sia per produzione di calore, sia infine nel settore dei trasporti.

 

Commissione europea – Comunicato stampa

Tabella di marcia per l’energia 2050 – Possiamo sviluppare un settore energetico sicuro, competitivo e a basse emissioni di carbonio

 

Bruxelles, 15 dicembre 2011 – Per raggiungere l’obiettivo di ridurre dell’80% le emissioni entro il 2050 la produzione energetica in Europa dovrà essere praticamente a zero emissioni di carbonio. Come ottenere questo risultato senza mettere a repentaglio le forniture energetiche e la competitività del settore è la domanda alla quale risponde la tabella di marcia per l’energia 2050, presentata oggi dalla Commissione. Partendo dall’analisi di svariati scenari, questo documento illustra le conseguenze di un sistema energetico a zero emissioni di carbonio e il quadro strategico necessario per realizzarlo. Con questo strumento gli Stati membri dovrebbero essere in grado di fare le scelte appropriate per quanto riguarda il settore dell’energia e creare presupposti economici stabili per favorire gli investimenti privati, soprattutto fino al 2030.

Günther Oettinger, commissario responsabile per la politica energetica ha dichiarato: Solo con un nuovo modello energetico potremo rendere il nostro sistema sicuro, competitivo e sostenibile sul lungo termine. Ora disponiamo finalmente di un quadro normativo europeo per attuare le misure strategiche necessarie che indirizzino gli investimenti nella giusta direzione“.

Clicca qui per approfondire

FERA Srl
Menu